La lotta al dissesto idrogeologico diventi una priorità

AAA-Unita

VARSAVIA – All’interno dello stadio nazionale di Varsavia i ministri giunti da tutto il mondo stanno discutendo le sorti del pianeta. Mentre la conferenza sul clima procede nel consueto clima di incertezza, gli eventi climatici estremi di questi giorni sembrano rafforzare il senso di urgenza per decisioni concrete.

Il tifone Hayian nelle Filippine pochi giorni prima dell’avvio della COP19, poi i numerosi tornadi nel midwest in USA e infine l’evento alluvionale che ha messo in ginocchio la Sardegna.

Ministro Orlando, cosa sta succedendo?

«È innegabile che gli episodi che siamo stati abituati a vedere come eccezioni, quali le abbondanti piogge in tempi limitati che hanno colpito la Sardegna in questi giorni, stanno diventano la regola. È ormai un dato strutturale che impone consapevolezza e capacità di adattamento.»

Ma il clima è l’unico responsabile di quanto accaduto nell’isola?

«Se da una parte c’è un aumento di violenza dei fenomeni atmosferici, dall’altra esiste un problema di gestione del territorio. A partire dalla minore manutenzione delle aree extraurbane legata all’abbandono delle attività agricole, a come sono stati forzatamente regimentate le acque o a come e quanto abbiamo cementificato il territorio in questi anni.»

Secondo WWF Italia, a ogni miliardo stanziato nel nostro paese per la prevenzione sul territorio vi è stata una spesa di oltre 2,5 miliardi per riparare i danni. Non è il caso di invertire la rotta e iniziare a investire nella prevenzione?

«Sicuramente sì. La prevenzione è un modo per evitare il debito futuro. Sul dissesto idrogeologico stiamo ripetendo l’errore fatto in passato con la finanza pubblica. Si accumula un debito che viene scaricato sulle generazioni future.»

Su questo s’innesta la bozza della Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici, presentata lo scorso ottobre.

«Il documento resterà aperto fino a dicembre alla consultazione delle parti interessate. Deve poi essere supportato, anche economicamente, come la più grande vera opera infrastrutturale del paese. Dobbiamo cambiare paradigma. A cosa serve realizzare nuove infrastrutture, se poi ogni anno una parte di strade, case, versanti, ponti e ferrovie viene distrutta a causa del dissesto idrogeologico. Per non parlare delle vite umane.»

Ma non è che la strategia nazionale di adattamento rischi di restare il libro delle buone intenzioni? Stridono le cifre. Per il 2014 sono stati stanziati 30 milioni per il rischio idrogeologico nazionale, quando per gestire l’emergenza dei soccorsi in Sardegna ne sono stati spesi 20.

«Vi è senza dubbio un problema di risorse. Sarebbe stato, infatti, ragionevole stanziare quest’anno 500 milioni di euro, invece di 30. Però vi è anche il problema della gestione della spesa. Solo una parte dei due miliardi messi a disposizione è stata poi effettivamente speso. Questo è legato anche al Patto di Stabilità, che ritengo debba essere rivisto in modo più intelligente. A livello Ue deve essere modificato, in modo di non conteggiare la parte relativa alla lotta al dissesto idrogeologico. Ma in attesa che ciò possa essere realizzato, dobbiamo a livello nazionale fare si che la lotta al dissesto idrogeologico diventi una priorità. In questo momento tra la realizzazione di una piazza e gli interventi di sistemazione di un fiume, sono  più importanti quest’ultimi. Anche se possono garantire dei minori ritorni in termini di consenso immediato.»

Cosa sarebbe cambiato in Sardegna se fosse già stata applicata la Strategia nazionale di adattamento?

«Molto. Perché la Strategia punta a costruire una convivenza con il rischio legato ai cambiamenti climatici. Ciò porta a modificare l’organizzazione delle attività sociali, l’utilizzo dei mezzi di informazione e il modo in cui si costruisce, si produce e ci si muove. Alcune cose le abbiamo introdotte con la legge presentata a giugno sul consumo del suolo. Il testo prevede che si possa costruire solo se prima è stato utilizzato il patrimonio edilizio esistente e non consente l’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per finanziare la spesa corrente degli enti locali.

C’è bisogno di coniugare il tema di un nuovo modello di sviluppo, che guardi nel lungo periodo. E non c’è tempo da perdere.»

 

Annunci

The role of forest in the international negotiation process of UNFCCC

AAA-ENEAForests are crucial for climate change. The deforestation process is one of the main greenhouse gases emission sources in developing countries and it is also greatly important at the global level. New mechanisms to fight this process are under development and implementation at the national and international level. At the same time, the UNFCCC negotiation process seems to go through one of the main crises ever seen before. The real risk is that the Kyoto Protocol and maybe the entire UNFCCC process may collapse. In this context, forests may find a new role to move from one of the main causes of climate change to one of the most important potential solutions. In the view of the Rainforest Coalition, REDD+ could be the right key for this change

INTRODUCTION

The forest sector is one of the main causes of climate change and also one of the main driving forces towards the solution path.

Through photosynthesis the flora removes the carbon present in the atmosphere as CO2 and fixes it as organic carbon in its vegetal tissues. With crops this process takes a year cycle, consequently carbon may still be available as CO2 for the next cycle, after biomass is burned or used as energy in biological systems. A tree lives for several years and this implies that the atmospheric CO2 is fixed for a longer period, introducing the important aspect of carbon storage in the forest biomass.

The quantity of stored carbon is very important in the carbon cycle’s dynamics. The European forests are per se able to remove around 870 million t of CO2 annually, a quantity approximately correspondent to 10% of the GHG (greenhouse gas) emissions in 2008[6].

With deforestation this capacity is lost and the result is an indirect increase of CO2 in the atmosphere: for this reason deforestation could be formally considered as a source of CO2.

FOREST IN THE UNFCC NEGOTIATION PROCESS

Not only may the forest cause a reduction in the net capacity to fix CO2, but also the whole change in land use (i.e., from forest to graze or from graze to agriculture) These situations are considered as LULUCF (Land Use and Land Use Change and Forestation) in the UNFCCC context, the United Nations negotiation process on climate change. At the global level the emission generated by LULUCF is almost 20%[1] of the global GHG emissions.

Therefore, it should not surprise to know that LULUCF played and is still playing a key role for an international climate treaty, but probably it is not as much known that it was very important for the first Kyoto Protocol process too.

The opposition of the USA to the Kyoto Protocol started before the negative vote of the Senate that blocked the ratification of the document. During the process of development of the Protocol, the USA negotiators clearly demonstrated their disagreement about the way it was decided to account the biomass carbon stock in developed countries, the so called Activity Based approach. The USA preferred the Land Based approach, asking all developed countries to consider their entire national area, in order to have a reliable description of the reality.

The Activity Based approach allows developed countries to decide which area to initially take into consideration during the definition of the baseline for LULUCF. The area under activities shall be monitored during the years in order to track any increase or decrease in stored amount of CO2. On the one side, this approach could be helpful in a first phase of implementation due to the lack of data that can make hard a complete account of all emissions and removals from the whole territory of the country.

On the other side, the risk is that each country applies a sort of selection on the areas where they may obtain benefits. As a consequence, when a country accounts areas where the forest has grown but it doesn’t consider where the situation has worsen it will describe a better situation than it actually is. The creation of a benefit in the total GHG amount of a country that does not correspond to the real situation is called “hot air”.

The decision to apply the Land Based or the Activity Based approach was very crucial during the development of the Kyoto Protocol but Kevin Conrad, the chief negotiator for the Papua New Guinea delegation in UNFCCC, believes this problem is not yet solved in the actual critical phase of the negotiation for the second commitment period of the Kyoto Protocol. In an interview of June 2010 he declares: “LULUCF is the biggest escape clause in the entire UNFCCC. It is a very serious issue. You can call it fraud or you can call it whatever you want, but the fact is that the rich countries are allowed to pick the area of forest they want to account and ignore the area of the forest where they are cutting trees. This has such significant impacts that Russia has said: “If you make me honest on the forest we have to cut our target from 30% reduction to 15%”, so they have to make a 50% change. We say they are cheating in the forest area. We, as developing countries, have to pledge to be far more honest than the rich countries. We agreed already on the international accounting, whereas the rich countries have not”[16].

MECHANISMS TO FIGHT DEFORESTATION IN DEVELOPING COUNTRIES

In developing countries the context is different because in their case the risk is not to hide the real situation in order to have a benefit in the reduction target as it is for developed countries. Here the problem is normally the high deforestation rate and the need to establish an economic tool able to stop or reverse the deforestation process. The financial support from developed countries is fundamental because it is not enough to spread out the idea that forests have an international value for climate change if this idea is not economically supported in order to help populations living in those areas in view of poverty eradication.

It is important to introduce a new and more effective system to financially support developing countries to preserve their forest.

In the past, often the financial support was directed to reforest areas previously interested by deforestation activities. As usual, working on the outcomes of a problem is not so effective as acting on its cause and this approach was not really able to reduce the international deforestation dynamics.

Therefore, a new approach was suggested in Bali during COP 13, the annual Conference of Parties in the UNFCCC. During this meeting, in 2007, it was decided to reduce the deforestation activities through a proactive approach. The basic idea is that forests have a worldwide value and that developed countries shall help developing countries to avoid any deforestation activity that may reduce the capacity of our “planet’s lungs”.

This mechanism is called REDD+ (Reduction Emissions from Deforestation and Forest Degradation)[5] and will be applied in developing countries. In Bali COP 13, Norway was very active and gave a big contribution to mould the REDD. In order to better show their intention and push the international context towards the creation of REDD+, the Prime Minister Jens Stoltenberg launched the NICFI, Norway’s International Climate and Forest Initiative[8], during the UNFCCC Conference. Through this initiative, Norway offered 500 million dollars per year in bilateral agreements with some developing countries which have a very important coverage of forests like Mexico, Brazil, Guyana, Tanzania and Indonesia, through a multilateral cooperation with the UN-REDD Programme, the Democratic Republic of Congo (DRC), the Congo Basin Forest Fund (CBFF), Forest Investment Programme (FIP), Forest Carbon Partnership Facility (FCPF), as well as with scientific institutions and NGOs, such as ITTO REDDES and the Civil Society Support Fund[9].

This project turns out to be crucial in order to actively fight deforestation activities in developing countries and move the international negotiation context, although it doesn’t seem to be so effective at the moment.

This is also the thought of Carlos Ritti, Responsible for WWF Brazil of the Climate Change and Energy Programme: “Until now the international cooperation is still moving slowly because the system is still very bureaucratic and the Brazilian banks lost time to give their approval to the projects”[18].

STRONG DIFFICULTIES FOR THE UNFCCC

In June 2011, Norway hosted two important meetings in Oslo that confirmed the strong commitment of the Scandinavian country on the forest sector[17]. The first meeting was the European Ministerial Conference on Forests that achieved a very important result. In fact, during this meeting it was agreed to launch a negotiation process for the creation of a legally binding accord level and to adopt European target for 2020 in this sector[5]. The second one was an international meeting to update on the REDD+[10] progress.

Nevertheless, all these initiatives lose an important part of their effectiveness if they are not part of a larger international agreement and the only potential context for them at the moment is the UNFCCC. But times are not so healthy for the Convention and in the last few years it seems to have been rather a sick patient on the deathbed. In this situation the forest may play a very interesting role to assure a future to the Kyoto Protocol (KP)[7]. To better describe this potentiality it is, therefore, necessary to draw an overview of the negotiation process during the last five years.

The definition of the new reduction targets for developed countries in the second commitment period of the KP is a crucial item and it has been planned to start in 2006[11]. But during the COP 12 in Nairobi it was not possible to start any discussion on this matter, because positions of the parties were too distant. The only significant decision during COP 12 was to put the oxygen mask to the sick patient, postponing any decision on the KP at the next COP. In 2007, at the Conference in Bali, the situation started in the same way than in Nairobi, but at the end a decision arrived: to create a two-year period of specific negotiation, the Bali Road map. The two-year track should permit the definition of new reduction targets for developed countries, creating, at the same time, a new context, called LCA, where to define commitments also for developed countries that didn’t ratify the KP (USA) and some adequate actions for the main developing countries. Another positive output was, indeed, launching the idea of financing the fight against deforestation through the REDD and the NICFI of Norway.

In Autumn 2008 G.W. Bush, probably the main opponent to a new legally binding agreement, lost the elections, but the new President Barack Obama was not yet in charge in December during the COP14. The USA went to Poznan with a delegation that followed the old USA Presidency’s instructions and the real consequence was that a progress was not possible and another year was lost.

Later on, in 2009, the COP 15 took place in Copenhagen with very high expectations, if considering that it was the conclusion of the Bali Road Map[12]. The entire world was waiting for a new international agreement but the Conference was able to produce only an enormous failure[13]. The only positive thing was the attention that all the media and citizens paid to climate change and the attendance at the COP of almost the totality of Prime Ministers and Chiefs of State of the world. At same time, this was part of the reason why the Conference failed. In fact, all expectations were addressed to the actions of Prime Ministers but some of them started a parallel negotiation process and discussed the solution in very small groups, without taking into consideration all the work done in the past by the official delegations.

At the end, the mountain roared and brought forth a mouse in the Copenhagen Accord[14], somehow more an obstacle rather than an improvement for the negotiation work in the following years.

During 2010 not only the KP, but the entire process of UNFCCC could have, in some way, collapsed because it seemed unable to produce any effective results[15].

Probably this situation helped reach a partial agreement[2] in Cancun, during the COP 16, where a positive output arrived for technology transfer and financing, with some progress for the REDD+ too, but still nothing for the future of the KP.

The next step is the COP 17 in Durban from 28 November to 9 December 2011, and it should be the final stop for the KP. The first commitment period expires in 2012 and if a decision for the second commitment period for the KP doesn’t come, our patient will not survive. The actual perspective seems not to be so positive for the strong opposition of Canada, Russia and Japan. What seems possible is that some Parties, probably the EU and maybe Australia, can offer some extra time to the KP. A new oxygen mask of two or three years to our patient, expecting some more positive changes in the USA, where now the Senate doesn’t show any intention to come to any kind of legally binding agreement, or the result of the V IPCC Assessment Report, where it is highly probable to find a strongest message of urgency.

A SOLUTION MAY COME FROM THE FOREST

The “extra time” option is not so attractive for developing countries interested in having a full agreement for the second commitment period of the KP, the only internationally legally binding document on climate change, and they are trying to find some other solutions to revitalize the KP.

In such context, space was given to the proposal of the Coalition for Rainforest Nations[3], a worldwide group of countries inside the UNFCC particularly interested in forests.

Federica Bietta, Deputy Director of the Coalition, thinks that their proposal may be the bridge between who is in and who is out of the KP. “In Mexico started Phase 1 of countries’ preparation for REDD+, now we are in the implementation phase, but it is with Phase 3 of full application that forest may play a strategic role for the future of KP. It is now important to move forward to the idea to have formal commitments only from developed countries, but there is no doubt that developing countries should be helped with financial support. Our idea is to introduce in the second period of KP the commitment to fight deforestation adopted at national level. In this way it is possible to obtain the double result to have more transparency in the developing countries commitment and more ambitious emission targets from the rich countries.

Actually we have several positive feedbacks and we are looking with optimism to the next COP in South Africa”[19].

Ms. Bietta does not meet the requests of the most problematic countries in the direction of this proposal, but it is possible to imagine that the emerging economies, as China, could in some way be worried that a big flow of money may move from the existing projects like CDM (Clean Development Mechanism) to the forest sector.

BUT DEFORESTATION IS STILL ON THE DAILY AGENDA

Whilst negotiations on this issue is frenetic and may open a new door for a successful future to the KP, some troubles are involving other emerging economies, like Brazil.

A new proposal of law, the Forest Code, has passed by the Low Chamber and it is now stopped before being voted by the Senate. A big movement of associations, including the 10 previous Environmental Ministers, is fighting in order to obtain the withdrawal or a strong modification of the law, because otherwise there is the serious risk that deforestation, after the minimum level achieved in 2010[4], starts growing again.

And what is on the table is something really critical to the planet. “The destruction of the Amazon forest could cause a strong consequence for the fight on climate change”, says Carlos Ritti, “with the risk to nullify the strongest commitment of developed countries”[18].

The option for President Dilma Roussef to use the veto power for this law is supported from 79% of the Brazilians, but everyone hopes that in the end she won’t have to use it, the law having been changed in advance.

At the end of 2011, it seems that forests are playing a crucial role in tackling climate change as they have never done before. The last months of the International Year of Forests will show if this will happen in a positive way, giving forests the role they deserve.

Amazzonia a rischio. Scontro in Brasile sulla deforestazione

AAA-Unita

Unita-Cascata

Battaglia aperta in Senato sulla legge che riammette il taglio delle piante. Nel 2008 Lula si era impegnato per una riduzione dell’80% entro il 2020.

Si fa presto a dire foresta, e sembra a tutti chiaro cosa si intende. Invece Jorge Furagaro Kuetgaje, rappresen-tante degli indigeni colombiani, recrimina che il mondo sviluppato chiama bosco l’insieme di un unico tipo di pianta, l’eucalipto. «Per noi questo non è bosco. Il bosco è l’insieme di fiumi, animali e diverse tipologie di piante che vi vivono assieme», chiarisce.

Concetto che ha ben chiaro in mente Carlos Ritti, il responsabile del Programma sul cambiamento climatico ed energia del Wwf in Brasile. Ritti è allarmato per la foresta amazzonica. «Nei prossimi mesi il governo di Brasilia dovrà decidere prendere posizione circa la distruzione delle nostre foreste – inizia a spiegare – L’Amazzonia non è solo un patrimonio di noi brasiliani, ma anche un polmone fondamentale dell’intero pianeta. La sua distruzione rappresenterebbe un duro colpo alla lotta al cam- biamento climatico e rischierebbe di rendere vani anche gli sforzi più ambiziosi dei paesi sviluppati».

Eppure negli ultimi anni il Brasile aveva raggiunto risultati significativi contro la deforestazione. «Una serie di leggi ha contribuito a produrre risultati molto positivi, come il minor tasso di deforestazione degli ultimi vent’anni, registrato proprio nel 2010. Questo è sicuramente il risultato di una buona governance delle foreste, realizzata attraverso interventi come il taglio degli incentivi agli agricoltori in aree deforestate, i mi-gliori sistemi di monitoraggio e le attività di controllo svolte sul campo da apposite guardie.

Bisogna però riconoscere che anche il mercato esercita un ruolo altrettanto importante. Il crollo del prezzo della carne e di alcuni prodotti agricoli e un cambio svantaggioso per il Real, la moneta brasiliana, proprio nel 2010 hanno contribuito ad una riduzione dell’export, diminuendo alla base le esigenze di nuove deforestazioni».

Il cambio radicale del 2011 non è però legato solo a una variazione della situazione del mercato, ma deve anzi essere ricondotto ad un progetto di legge, il Forest Code, che rischia di riaprire la strada al taglio indiscriminato delle foreste. La sola presentazione della proposta, fortemente voluta dal settore agricolo e dagli ambienti conservatori, è stata interpretata come il se- gnale di un cambio della politica nazionale e ha dato il via ad un nuova ondata di deforestazione. Con questo provvedimento si mette in gioco il futuro stesso dell’Amazzonia, oltre che la possibilità di raggiungere gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas serra, fissati nel 2008. Il Brasile aveva allora dichiarato di voler tagliare entro il 2020, rispetto al trend nazionale delle emissioni, più di 1.000 milioni di t di CO2. Ciò do- vrebbe avvenire anche attra-verso la riduzione dell’80%

del tasso di deforestazione, che il Forest Code rende- rebbe di fatto impossibile da raggiungere. Al momento la proposta di legge è passata alla Camera bassa, ma ora dovrà essere esaminata al Senato. Sono tre le commissioni che dovranno discutere il Forest Code: agricoltura, ambiente e quella costituzionale. La grande sollevazione popolare che ne è derivata ha fatto sì che non siano ancora state fissate le date di questa discussione. E la lista di chi vi si oppone è davvero impressionante. Alle numerose associazione ambientaliste si aggiungono, tra gli altri, i sindacati, il Consiglio nazionale dei vescovi, l’ordine degli avvocati, l’associazione della stampa e addirittura un forum che raccoglie gli ultimi 10 ministri dell’ambiente brasiliani.

Se la legge dovesse passare in Senato, la Presidente Dilma Roussef ha comunque la possibilità di esercitare il suo diritto di veto. In un recente sondaggio condotto da alcune associazioni am-bientaliste è risultato che il 79% dei brasiliani sarebbe a favore di questa soluzione. «Noi siamo convinti di avere ancora tutte le possibilità di cambiare radicalmente il testo – dice Carlos Ritti – nella discussione che si avrà in Senato, ma in caso contrario confidiamo che la Presidente metta il veto a tutto il provvedimento, o almeno agli articoli che sono davvero irricevibili». Tra l’altro il Forest Code potrebbe mettere a rischio anche l’arrivo del grande flusso di denaro che i progetti internazionali stanno indirizzando alla protezione delle più importanti foreste del pianeta. «Ad oggi la cooperazione inter-nazionale fatica un po’ a partire perché il sistema è ancora molto burocratico e le banche brasiliane hanno perso troppo tempo nell’approvazione dei progetti – continua Ritti -ma nel lungo periodo ci aspettiamo risultati di grande rilevanza da questi meccanismi internazionali».

È ovvio che una legge di questo tipo darebbe un segnale negativo a chi è intenzionato a supportare finanziariamente la lotta alla deforestazione in Brasile. Il Wwf Brasile spera che la pressione internazionale possa portare a un esito positivo la vicenda. L’anno prossimo il Brasile ospiterà la conferenza Rio+20 che metterà il Paese sotto i riflettori del mondo intero. La successora di Lula non vorrà arrivare all’appuntamento a mani vuote.

L’accordo non c’è. Ma si “prende nota”

AAA-Unita

L’assemblea Onu non vota. E il documento finale del summit, nonostante le assicurazioni di Ban Ki-moon, non è vincolante se non per i paesi che lo vogliano.

Loro dicono di averlo realizzato, ma non è vero», dice Kim Christansen, leader mondiale del Wwf, replicando ai media che annunciano l’Accordo di Copenhagen.

Si parla del documento prodotto venerdì nell’incontro ristretto di capi di stato e di governo in una serie di incontri informali all’interno della Conferenza dell’Unfccc. Per recepirlo all’interno della Convenzione sul clima è necessaria l’approvazione all’unanimità in Plenaria.

Il documento calato dall’alto e privo di contenuti ambiziosi è stato ieri però bloccato per l’opposizione di Tuvalu e di alcuni paesi del sud America. Non bastano dieci ore tra trattative e sospensioni tecniche per superare il dissenso. Ci mette del suo anche Rasmussen, la cui presidenza è definita dal capo delegazione dell’Arabia Saudita la peggiore nella sua esperienza.

La settimana precedente Kevin Conrad, capo delegazione della Papua Nuova Guinea, aveva proposto di cambiare le regole di voto per evitare simili situazioni di impasse ma, ironia della sorte, era stato bloccato proprio da chi ora vorrebbe non tenere conto del dissenso di Tuvalu.

L’Unfccc mette in movimento i propri esperti legali per trovare una soluzione. Alla nuova apertura dei lavori, chi prende temporaneamente il posto di Rasmussen, in 30 secondi, con una sorta di blitz, recepisce il documento con la formula «prende nota».

Ban Ki-moon dichiara fatto l’accordo, aprendo teoricamente la strada all’interno dell’Unfccc per rendere operative le azioni previste nel documento. Di fatto si tratterebbe della prima volta di un testo che viene calato dall’alto e diventa operativo senza passare dal dibattito puntuale della plenaria e del gruppo di lavoro. Tra l’altro verrebbe meno la tanto sbandierata trasparenza della presidenza danese, visto che il processo non ha visto il coinvolgimento di tutti i paesi.

Immediata la levata di scudi contro l’interpretazione di Ban Ki-moon e di alcuni paesi. La rappresentante venezuelana sottolinea che «prendere nota» significa solo recepire l’esistenza di un documento a cui chiunque può decidere di aderire volontariamente, ma al di fuori dell’Unfccc.

Un documento sul clima che non fosse parte del tavolo Onu sui cambiamenti climatici si svuoterebbe però di ogni significato politico. I giganti della terra rischiano così di rimetterci la faccia, per il solito colpo di fionda di un Davide impertinente.

Il gas serra non derubi la fame

AAA-Unita

Su un punto a Copenhagen sembrano essere tutti d’accordo. I paesi industrializzati debbono aiutare finanziariamente quelli in via di sviluppo ad affrontare i cam- biamenti climatici e ad intraprendere un percorso di sviluppo a basso contenuto di carbonio. Yvo de Boer, guida del processo negoziale sul clima dell’Onu, sembra aver trovato il consenso: 10 miliardi di dollari all’anno dal 2010 al 2012.

Soldi che la Ue è disposta però a trasferire solo ai paesi più poveri, non alle grandi economie emergenti come India e Cina. Il responsabile della Commissione europea per i cambiamenti climatici, Artur Runge-Metzger, ironizza sul possibile paradosso di vedere gli Usa costretti a chiedere un prestito alla Cina per riuscire a finanziare lo stesso gigante asiatico.

In ogni caso si devono rendere disponibili, sostiene de Boer, soldi freschi e non trasformare fondi già in precedenza destinati ai paesi in via di sviluppo. È proprio questa la pre- occupazione di Jason Anderson, responsabile europeo di Wwf per clima ed energia. «I soldi già allocati dalla Ue in passato sono dello stesso ordine di grandezza dei 2 miliardi di euro che la Ue sembra voglia assegnare domani a Bruxelles. È sicuro che siano risorse aggiuntive?».

Evita ogni commento sul rischio che si girino sul clima soldi già promessi contro la fame nel mondo il direttore generale della Fao, Jacques Diouf. Ribadisce invece l’importanza di ottenere davvero quanto promesso al vertice di Roma nelle scorse settimane, perché spesso gli interventi a favore di un’agricoltura sostenibile nei paesi poveri hanno una importante ricaduta sul clima.

Federica Bietta, consulente speciale per il clima della Papua Nuova Guinea, precisa che i Paesi in via di sviluppo chiedono che i fondi siano gestiti da un nuovo organismo all’interno dell’Unfccc. «L’attuale Gef si è dimostrato troppo lento, burocratico e quindi inefficace. Adesso anche Ue ed Usa sembrano pronti ad accettare questa ipotesi».

Summit di Barcellona. I paesi africani fermano tutto ‘Ora impegni chiari’

AAA-Unita

Gli ultimi cinque giorni in preparazione della conferenza danese di dicembre, in cui la comunità internazionale dovrà decidere come contrastare il cambiamento del clima, hanno improvvisamente acquisito i contorni del vero negoziato. A rompere le fila è stata il gruppo dei paesi africani che, con Bolivia e Venezuela, ha deciso di bloccare i lavori di uno dei principali tavoli di lavoro, quello sul Protocollo di Kyoto. Che sia stata una decisione difficile lo si legge chiaramente dalle facce tese dei rappresentanti africani: finché tutti i paesi sviluppati non dichiareranno quanto intendano ridurre le proprie emissioni entro il 2020 è inutile cercare un accordo su tutti gli altri temi collegati: uso del suolo, uso delle foreste e meccanismi flessibili di mercato. Vengono così bloccati i lavori di cinque sottogruppi: «I paesi sviluppati hanno difficoltà a mettere i loro numeri sul tavolo? Ma questa per noi è una questione di vita o di morte – dice Grace Akumu direttore del Climate Network Africa – il nostro continente emette dal 3 all’8% delle emissioni ma è quello che ne soffre di più gli impatti». Il messaggio è rivolto principalmente a Canada, Russia e Usa che, secondo Kim Carstensen, responsabile clima di Wwf, «debbono dichiarare i propri obiettivi e sbloccare i negoziati». È Kamel Djemouai, sottosegretario al Ministero dell’ambiente algerino e coordinatore del gruppo africano nei negoziati, a spiegare: se non si impegna chi ha firmato il protocollo di Kyoto, è difficile chiedere lo facciano gli Usa. «L’Africa e i paesi in via di sviluppo è già pronta ad assumersi le proprie responsabilità – continua Djemouai, ma i paesi sviluppati continuano a scappare dalle loro responsabilità». Il sostegno alla posizione dei 51 paesi africani, Bolivia e Venezuela, giunge anche da tutti 130 paesi che fanno parte del gruppo «G77 e Cina». Ma forse la preoccupazione ancora maggiore e che venga messo a rischio l’esistenza stessa del Protocollo. «Il 2012 termina solo il primo periodo di adempimento del Protocollo di Kyoto ed in cui dovranno entrare in vigore gli impegni di riduzione per il periodo successivo – ricorda Di-Aping – il suo valore rimane a tutti gli effetti vincolante per il futuro». Chi vuol affossare Kyoto? Dice Tove Ryding, Greenpeace Danimarca: «Inconcepibile quel che dice il primo ministro Rassmussen, disponibile a un accordo politicamente vincolante al posto di uno legalmente vincolante. L’unico strumento legalmente vincolante è il Protocollo di Kyoto e non ha senso cercare di metterlo in discussione». Voci informali riportano però come all’interno della Ue ci sia chi vorrebbe andare oltre il Protocollo di Kyoto, tra cui per ragioni diverse alcuni paesi dell’est, la Gran Bretagna e l’Italia. Il rappresentante Ue Anders Turesson rassicura: continueremo a operare entro il Protocollo di Kyoto. E le principali Ong chiedono che a Kyoto si affianchi un nuovo Protocollo di Copenhagen. Ora in molti si augurano che il blocco dei lavori, evento che gli esperti ricordano non accadere dal 2000 quando fu attuata dai rappresentanti delle piccole isole, riesca ad imprimere il cambio di velocità necessario. Altrimenti le conseguenze rischiano di essere molto gravi.

Terra terra – Un trattato per il clima

AAA-manifesto

La rete internazionale delle organizzazioni ambientaliste è scesa in campo. Ieri a Bonn ha diffuso un “Trattato sul clima”, per formulare una proposta su come affrontare la più grave crisi ambientale del pianeta.

È un contributo in vista della conferenza dell’Onu sul cambiamento del clima, in programma in dicembre a Copenhagen, che dovrebbe definire impegni e azioni che tutto il mondo dovrà intraprendere dopo il 2012, termine di scadenza della prima fase del Protocollo di Kyoto. In altri termini, le associazioni di tutto il mondo vogliono mettere i propri “paletti”. Nel documento infatti enunciano tre linee-guida. Primo: mantenere l’aumento della temperatura del pianeta al di sotto dei 2 gradi centigradi (è la soglia raccomandata dall’Ipcc, Comitato Internazionale sul cambiamento del clima, il consesso scientifico internazionale che opera per l’Onu). Secondo, tagliare le emissioni di gas “di serra” dell’80% rispetto al livello del 1990 entro il 2050. Terzo, investire 115 miliardi di euro l’anno per le misure necessarie a “mitigare” l’effetto del cambiamento climatico ormai innescato.

Le proposte presentate ieri a Bonn sono il frutto di quasi un anno di lavoro. Le reti ambientaliste vogliono così avere la propria voce nella complessa diplomazia che sta lavorando in vista del vertice di Copenhagen – un po’ nelle riunioni tecniche che si svolgono a Bonn presso la Convenzione Onu sul clima, un po’ in occasione di conferenze e vertici mondiali: dalla riunione dei principali emettitori di CO2, voluta da Obama, al G8 di luglio dell’Aquila. “È la prima volta che una coalizione di gruppi della società civile compie un simile passo” precisa il responsabile mondiale per i cambiamenti climatici del Wwf, Kim Carstensen: “insieme abbiamo prodotto ciò che a oggi può essere considerato il più coerente documento legale in grado di presentare soluzioni bilanciate e credibili sul clima, basate su equità e dati scientifici”.

Il piano non esclude nessuno: ai paesi industrializzati propone di adottare Piani di azione “Zero emission”, a quelli in via di sviluppo piani “Low emission”. La combinazione di questi impegni dovrebbe riportare le emissioni mondiali di gas serra, dopo aver toccato un picco (tra il 2013 e il 2017) ai valori del 1990 intorno al 2020, con l’ambizioso obiettivo di ridurle dell’80% entro il 2050.

Il funzionamento di un simile meccanismo richiede l’introduzione di un limite di emissione mondiale delle emissioni di gas serra, una sorta di budget di carbonio, da cui far derivare gli impegni per i singoli paesi. Le ong chiedono che il Protocollo di Kyoto non sia abbandonato, ma anzi arrivi a definire degli impegni di riduzione delle emissioni di gas serra per i paesi industrializzati ancora più stringenti. A questo dovrà essere affiancato il nuovo Protocollo di Copenhagen, per stabilire impegni di riduzione delle emissioni vincolanti anche per gli USA, che come è noto non hanno ratificato il Protocollo di Kyoto, e per concretizzare un percorso a basso contenuto di carbonio per i Paesi in via di sviluppo. E poiché non basteranno per definire tutto questo i sei mesi che ci separano dalla Conferenza di Copenhagen, le ong chiedono un percorso di tre anni di lavoro successivi per definire in che modo strutturare i meccanismi di sussidio, di compensazione e di assicurazioni a favore dei paesi che già oggi subiscono i danni del caos climatico in atto. E di quello da attendersi nel futuro vicino, inclusi i flussi migratori, guerre per lo sfruttamento delle risorse naturali, rifugiati climatici in genere.