Decisions needed as leaders arrive in Durban for COP’s second week

Planetnext

The Conference of the Parties (COP) 17 enters its the last week of negotiations with the High Level session starting tomorrow afternoon and might be  useful to identify which are the most important topics under discussion.

 

Some positive results are expected  regarding technology transfer, a crucial issue in facilitating a more sustainable development path for developing countries.

 

Copenhagen and Cancun had outlined a financing mechanism, the Green Climate Fund, capable of supporting adaptation and mitigation to help in particular the less developed countries. It foresaw a three-year period (2010-2012) of fast tracking  $10 billion per year, to be increased up to $100 billion by 2020.

 

Christiana Figueres,  the UNFCCC Executive Secretary, underlined last Friday during a press conference that  there has so far been no decision on how that figure will be reached. She also pointed out that already last year the High Level financing panel set up by UN Secretary General Ban Ki-moon had highlighted the need for “a combination of traditional and innovative sources of finances.”

 

Financing is needed as well to support the REDD mechanism (Reduction Emission from Deforestation and Degradation). In this field some problems have been raised by Brazil, which does not appear willing to accept a regime of international reporting of how safeguards in REDD will be addressed and respected.

 

But mitigation remains the main point for which a political solution must be found by the 12 Chiefs of State and 130 Ministers starting to arrive in Durban already this afternoon..

 

It is no longer possible to postpone a decision about the future of the Kyoto Protocol (KP) because its first commitment period expires at the end of 2012. Linked with the destiny of the KP is the decision on how to forge a new broader international pact, to include the greenhouse gas (GHG) emissions of all major emitters actually under discussion in the Long Cooperative Action (LCA).

 

The most concrete proposal submitted up to  now is the one prepared by the EU. With the public refusal on the part of Japan, Russia and Canada to be part of the II commitment period, the EU becomes the main mover in favour of the KP survival.

 

This allows the EU to lay down its own conditions to save the only existing, legally binding accord, i.e., the KP, still crucial for all developing countries. Figueres is aware that the EU will accept to support the KP’s renewal “only under certain conditions,” spelled out last Friday by Thomasz Chrusczow, representing the Polish EU Presidency: “it is necessary that the new pact include 100% of the global emissions.”

 

He asked for a kind of “Durban Road map,” a three-year negotiating process in order to finalize a full and global agreement by 2015 which should then become operative before 2020. Chrusczow’s request to base this new process on the same principles as the Bali Road map and the Cancun agreement indirectly confirms the failure of the COP 15 in Copenhagen and the entirely unsuccessful Rasmussen COP 15 Presidency. The evidence is that it is now necessary to restart the process for a new legally binding agreement.

 

But the international situation has radically changed from that prevailing at the time of the 2007 Bali conference and even more with respect to 1992, when the UNFCCC was signed. For Artur Runge Metzer, of the EU Commission, it is therefore no longer possible to base a future agreement only on historical responsibility. “We are aware of our historical responsibility, but this is not enough. If we shut down the EU tomorrow or next Saturday as result of the COP 17, we don’t save the climate. Others have to come on board”.

 

The message is clearly directed at the USA, increasingly absent from the negotiation process, as shown by the vague answer of the Deputy Special Envoy for Climate Change,

 

Jonathan Pershing, during last week’s press conference and by the US attempt to postpone the new negotiation process until after 2020. The indirect answer comes from Keya Chatterjee, representative of WWF US. She urged her national delegation to keep  in mind this year’s  climatic events in the U.S., where for the first time 47 States had to declare a state of emergency because of  weather-related disasters.

 

But the EU message is meant also for the emerging economies, considering their increasing contribution to total GHG emissions. Chrusczow did however specify that it is necessary to differentiate between various national conditions because China, the main global emitter, has a value per habitant of 6 tons of CO2, while India’s is well below 2.

 

Srinivas Krishnaswamy, of the NGO CAN South Asia, is asking for a more leading role of the BASIC countries (Brazil, South Africa, India and China). They are already part of the G77+China group, but Krishnaswamy notes that they are increasingly behaving as an official negotiating group. This could be interpreted as a natural evolution of the developing countries’ block characterized by growing differences among them in terms of interest in the oil economy, level of development and direct hardship due to climate change-related consequences. To the group belong countries as different as Saudi Arabia, China, Tuvalu and Bangladesh.

 

There is finally another important point that may be on the discussion table in the days to come. It is the proposal presented by Papua New Guinea (PNG) and Mexico at the beginning of last week and already introduced in a less strong way by PNG at the Copenhagen conference. The proposal is to move the current consensus-based decision-making process towards a qualified majority approach. According to informal rumors, there is growing sympathy for this proposal, despite the opposition of some important parties. If nothing else this would force clarification of the meaning of “consensus,” often left to the interpretation of the COP Presidency, and speed up the decision process, considering that climate change will not wait for the conclusion of the long political debate.

Annunci

L’accordo non c’è. Ma si “prende nota”

AAA-Unita

L’assemblea Onu non vota. E il documento finale del summit, nonostante le assicurazioni di Ban Ki-moon, non è vincolante se non per i paesi che lo vogliano.

Loro dicono di averlo realizzato, ma non è vero», dice Kim Christansen, leader mondiale del Wwf, replicando ai media che annunciano l’Accordo di Copenhagen.

Si parla del documento prodotto venerdì nell’incontro ristretto di capi di stato e di governo in una serie di incontri informali all’interno della Conferenza dell’Unfccc. Per recepirlo all’interno della Convenzione sul clima è necessaria l’approvazione all’unanimità in Plenaria.

Il documento calato dall’alto e privo di contenuti ambiziosi è stato ieri però bloccato per l’opposizione di Tuvalu e di alcuni paesi del sud America. Non bastano dieci ore tra trattative e sospensioni tecniche per superare il dissenso. Ci mette del suo anche Rasmussen, la cui presidenza è definita dal capo delegazione dell’Arabia Saudita la peggiore nella sua esperienza.

La settimana precedente Kevin Conrad, capo delegazione della Papua Nuova Guinea, aveva proposto di cambiare le regole di voto per evitare simili situazioni di impasse ma, ironia della sorte, era stato bloccato proprio da chi ora vorrebbe non tenere conto del dissenso di Tuvalu.

L’Unfccc mette in movimento i propri esperti legali per trovare una soluzione. Alla nuova apertura dei lavori, chi prende temporaneamente il posto di Rasmussen, in 30 secondi, con una sorta di blitz, recepisce il documento con la formula «prende nota».

Ban Ki-moon dichiara fatto l’accordo, aprendo teoricamente la strada all’interno dell’Unfccc per rendere operative le azioni previste nel documento. Di fatto si tratterebbe della prima volta di un testo che viene calato dall’alto e diventa operativo senza passare dal dibattito puntuale della plenaria e del gruppo di lavoro. Tra l’altro verrebbe meno la tanto sbandierata trasparenza della presidenza danese, visto che il processo non ha visto il coinvolgimento di tutti i paesi.

Immediata la levata di scudi contro l’interpretazione di Ban Ki-moon e di alcuni paesi. La rappresentante venezuelana sottolinea che «prendere nota» significa solo recepire l’esistenza di un documento a cui chiunque può decidere di aderire volontariamente, ma al di fuori dell’Unfccc.

Un documento sul clima che non fosse parte del tavolo Onu sui cambiamenti climatici si svuoterebbe però di ogni significato politico. I giganti della terra rischiano così di rimetterci la faccia, per il solito colpo di fionda di un Davide impertinente.

Il punto – Un accordo piccolo piccolo

AAA-Unita

unita planet b

“Il nostro futuro non è in vendita!” Ancora una volta tocca a Ian Fry, rappresentante delle piccole Isole Tuvalu, guidare le sorti della conferenza del clima. Un gigante, rispetto ad un Manuel Barroso che, in evidente difficoltà, arriva a sostenere come “un cattivo accordo sia meglio di un mancato accordo”. Curioso modo per cercare di mascherare il palese fallimento di Copenhagen. Il documento finale concordato da USA, India, Cina e Sudafrica elimina tutti gli elementi qualificanti che la Ue aveva proposto nelle versioni precedenti, perdendo ogni significato politico.
Alla richiesta degli scienziati di raggiungere il picco delle emissioni entro il 2015-2020, l’ipotetico accordo propone la soluzione “prima possibile”. A quella di avere obiettivi di riduzione delle emissioni per i paesi sviluppati del 25-40% entro il 2020, risponde dando spazio alla libera iniziativa. C’è da tagliare le emissioni mondiali del 50% entro il 2050? Basta non parlarne.
L’unica cosa che va davvero in porto è il finanziamento rapido per il triennio 2010-2012, anche se non raggiunge i 10 miliardi all’anno richiesti da Yvo de Boer per l’insufficiente supporto da parte degli USA. Soldi che finiscono per assomigliare troppo al tentativo di comprare il consenso dei paesi più poveri. Che però non ci stanno.
Dopo quattro ore dall’annuncio in pompa magna da parte di Barack Obama, arriva la rivolta dei paesi in via di sviluppo. “Non accettiamo 30 denari per tradire il nostro popolo” riprende Ian Fry, denunciando la bozza costruita nelle stanze chiuse dai potenti del mondo e la negoziazione tramite i media, come irrispettosa dell’intero UNFCCC. Il Venezuela arriva addirittura ad intravedere in questo percorso un colpo di stato alla carta dell’ONU.
Alle 3 di notte crolla l’impalcatura di un possibile accordo costruito in modo troppo artificiale e fatto cadere dall’alto. Le 193 nazioni che hanno lavorato per due anni per questo appuntamento finiscono per assomigliare a dei soprammobili per la fotografia dei grandi, invece che ai soggetti che soffrono gli impatti del cambiamento climatico e debbono essere i protagonisti di ogni iniziativa a livello globale per contrastare il riscaldamento del pianeta.
Copenhagen va in archivio. Si gira pagina, ma si è  persa anche una grande occasione per dimostrare davvero che “è finito il tempo delle parole è che è arrivato quello delle azioni”, come ricordava Rasmussen all’avvio dei lavori, favorendo realmente il processo trasparente più volte sventolato, ma poco attuato a Copenhagen.

Il punto – Ma una speranza c’è

AAA-Unita

unita dormire

Finalmente il nodo è venuto al pettine! E l’ha fatto nel modo più eclatante possibile.

Negli ultimi giorni molti delegati, a denti stretti, hanno riconosciuto nella mancanza di impegni di riduzione delle emissioni per le economie emergenti il principale scoglio da superare per arrivare ad un accordo ambizioso entro venerdì. Non si mette in discussione il loro diritto di continuare il processo di sviluppo e la lotta alla povertà, ma di garantire che questo sia intrapreso attraverso un modello a basso contenuto di carbonio. Nel linguaggio di Copenhagen ciò significa: non chiedere alla Cina di ridurre le proprie emissioni in termini assoluti, ma di farlo rispetto al trend di crescita previsto in mancanza di azioni specifiche (il cosiddetto Business As Usual).

Non è stato un passaggio indolore. Gli sherpa hanno lavorato tutta la notte tra martedì e mercoledì per preparare il documento per i ministri. Alle 5 di mattina il coordinatore del gruppo ottiene l’assenso del G77 sul testo. La delegazione americana però non ci stà e impone ulteriori modifiche che complicano ulteriormente il quadro. Alle 7 si arriva comunque ad un testo finale. All’avvio dei lavori, però, il colpo di scena.

Rasmussen, che ha preso la presidenza della COP15 per la sessione dei ministri e dei capi di governo al posto di Connie Hedegaard, annuncia la prossima presentazione di un proprio documento di compromesso. Si alzano le barricate dei paesi emergenti, che secondo le indiscrezioni sarebbero chiamati nel nuovo documento ad assumersi maggiori responsabilità, appoggiati più tardi anche da un appassionato Hugo Chavez che denuncia un metodo non democratico.

Lapidarie le parole di Rasmussen, all’insegna della concretezza: “il mondo aspetta una risposta sul cambiamento climatico, non può essere una questione solo di procedure”.

L’inizio della riunione di presentazione del documento viene aggiornato alle 13.00 e poi posticipato più volte fino ad aprirsi alle 22.00. Nel frattempo il lavoro è trasferito in altre sale, quelle che contano realmente.

In tarda serata arriva la notizia che il Giappone è disposto a mettere 11 miliardi di dollari dal 2010 al 2012 in aggiunta ai 10,5 della Ue, se l’accordo ci sarà. A questo punto l’attesa è che USA offrano ancora di più, per compensare il minore impegno di riduzione delle emissioni.

Tutto è ancora molto difficile, ma un accordo non sembra più impossibile.

Il punto – L’importanza di Connie Hedegaard

AAA-Unita

unita Connie

Si è aperta ieri la sezione politica plenaria della COP15 di Copenhagen, con la presenza di Ban Ki-moon, il Principe Carlo ed il premio Nobel Wangari Maathai. A brillare di più è stata però ancora lei: Connie Hedegaard. Se mai la Conferenza sul clima arriverà ad un accordo ambizioso, una buona parte del merito dovrà essere riconosciuto a questo politico capace e carismatico, venerato anche da chi si dichiara appartenente all’opposizione.

Da lunedì i lavori degli sherpa sono proseguiti in modo schizofrenico, con lunghissime riunioni fino a notte fonda e continui rinvii nel corso della giornata. La priorità è quella di completare la stesura dei documenti politici che da questa mattina dovranno essere trasferiti nelle mani dei ministri e più problemi resteranno aperti sul tavolo, più complessa sarà la fase politica. Gli ingredienti per una possibile soluzione sono tutti contenuti nei discorsi di apertura della sessione plenaria.

La Hedegaard si appella subito ai governi “Noi non possiamo fare niente senza di voi. È a voi che sarà riconosciuto il successo o il fallimento”. Lo stato dei lavori è nelle parole di Yvo de Boer “Ci sono stati dei progressi importanti, ma non abbastanza per arrivare al successo.” Rasmussen enfatizza la valenza unica del momento, ricordando che mai come in questo momento l’attenzione è stata così alta sul cambiamento climatico, con la consapevolezza diffusa che gli impatti si ripercuoteranno sul mondo intero nessuno incluso. Riprende poi una frase di Churchill “Ci vuole coraggio per alzarsi e parlare, ma ci vuole anche coraggio per sedersi ed ascoltare”. E ancora la Hedegaard  “C’è il rischio di un fallimento. La parola chiave deve essere il compromesso. Bisogna agire e agire subito”.

Da oggi ai ministri spetta la risoluzione dei problemi ed ai capi di governo la passerella mediatica, in cui far capire al mondo intero cosa vogliono chiedere e soprattutto a cosa sono disposti a rinunciare.

Tutu: il paradiso senza CO2

AAA-Unita

Trecentocinquanta rintocchi di campana hanno risuonato ieri nelle chiese di tutto il mondo, dalle isole Fiji alla Groenlandia, per ricordare la concentrazione massima di CO2 dell’atmosfera in grado di evitare conseguenze disastrose alle aree più vulnerabili e povere della terra. L’evento centrale si è tenuto nella cattedrale di Copenhagen, dove i rappresentanti della chiesa luterana, metodista e cattolica hanno celebrato una cerimonia comune, tra musiche africane ed europee.
Coralli sbiancati per l’acidificazione degli oceani dal pacifico, mais secco per la mancanza di acqua dall’Africa e pietre affiorate al suolo per lo scioglimento dei ghiacci dalla Groenlandia hanno preceduto l’ingresso dei religiosi, quasi ad anticipare nel clima natalizio i doni che i Re magi del terzo millennio non vorrebbero offrire al pianeta.
Alla presenza della Regina Margrethe e del Primo ministro Rasmussen, il padrone di casa, reverendo Ole Birch, si augura che ciò possa aprire gli occhi di tutti sulla responsabilità umana verso il cambiamento climatico. L’omelia principale è di Rowan Williams, arcivescovo di Canterbury, che indirettamente lancia un messaggio al Bella Center, che da oggi accoglierà i politici di tutto il mondo, «Non è possibile aspettare che siano gli altri a fare la prima mossa, bisogna agire e subito».
Il religioso più atteso è però l’arcivescovo Desmond Tutu, premio Nobel per la pace e noto per la sua lotta contro l’apartheid in Sudafrica. «Dobbiamo ricordarci che siamo tutti legati gli uni agli altri. Se uno affonda, è un problema di tutti, perché poi affonderemo anche noi». Il reverendo Tofiga Falani delle isole Tuvalu parla invece agli Usa: «milioni di americani non sanno che c’è chi soffre per il cambiamento del clima. Bisogna creare questa consapevolezza».
C’è ancora qualche speranza? «Certo! I giovani, innanzitutto – conclude Tutu – se 100.000 persone vanno in piazza con questo freddo, c’è speranza. E per voi c’è posto in paradiso».

Summit di Barcellona. I paesi africani fermano tutto ‘Ora impegni chiari’

AAA-Unita

Gli ultimi cinque giorni in preparazione della conferenza danese di dicembre, in cui la comunità internazionale dovrà decidere come contrastare il cambiamento del clima, hanno improvvisamente acquisito i contorni del vero negoziato. A rompere le fila è stata il gruppo dei paesi africani che, con Bolivia e Venezuela, ha deciso di bloccare i lavori di uno dei principali tavoli di lavoro, quello sul Protocollo di Kyoto. Che sia stata una decisione difficile lo si legge chiaramente dalle facce tese dei rappresentanti africani: finché tutti i paesi sviluppati non dichiareranno quanto intendano ridurre le proprie emissioni entro il 2020 è inutile cercare un accordo su tutti gli altri temi collegati: uso del suolo, uso delle foreste e meccanismi flessibili di mercato. Vengono così bloccati i lavori di cinque sottogruppi: «I paesi sviluppati hanno difficoltà a mettere i loro numeri sul tavolo? Ma questa per noi è una questione di vita o di morte – dice Grace Akumu direttore del Climate Network Africa – il nostro continente emette dal 3 all’8% delle emissioni ma è quello che ne soffre di più gli impatti». Il messaggio è rivolto principalmente a Canada, Russia e Usa che, secondo Kim Carstensen, responsabile clima di Wwf, «debbono dichiarare i propri obiettivi e sbloccare i negoziati». È Kamel Djemouai, sottosegretario al Ministero dell’ambiente algerino e coordinatore del gruppo africano nei negoziati, a spiegare: se non si impegna chi ha firmato il protocollo di Kyoto, è difficile chiedere lo facciano gli Usa. «L’Africa e i paesi in via di sviluppo è già pronta ad assumersi le proprie responsabilità – continua Djemouai, ma i paesi sviluppati continuano a scappare dalle loro responsabilità». Il sostegno alla posizione dei 51 paesi africani, Bolivia e Venezuela, giunge anche da tutti 130 paesi che fanno parte del gruppo «G77 e Cina». Ma forse la preoccupazione ancora maggiore e che venga messo a rischio l’esistenza stessa del Protocollo. «Il 2012 termina solo il primo periodo di adempimento del Protocollo di Kyoto ed in cui dovranno entrare in vigore gli impegni di riduzione per il periodo successivo – ricorda Di-Aping – il suo valore rimane a tutti gli effetti vincolante per il futuro». Chi vuol affossare Kyoto? Dice Tove Ryding, Greenpeace Danimarca: «Inconcepibile quel che dice il primo ministro Rassmussen, disponibile a un accordo politicamente vincolante al posto di uno legalmente vincolante. L’unico strumento legalmente vincolante è il Protocollo di Kyoto e non ha senso cercare di metterlo in discussione». Voci informali riportano però come all’interno della Ue ci sia chi vorrebbe andare oltre il Protocollo di Kyoto, tra cui per ragioni diverse alcuni paesi dell’est, la Gran Bretagna e l’Italia. Il rappresentante Ue Anders Turesson rassicura: continueremo a operare entro il Protocollo di Kyoto. E le principali Ong chiedono che a Kyoto si affianchi un nuovo Protocollo di Copenhagen. Ora in molti si augurano che il blocco dei lavori, evento che gli esperti ricordano non accadere dal 2000 quando fu attuata dai rappresentanti delle piccole isole, riesca ad imprimere il cambio di velocità necessario. Altrimenti le conseguenze rischiano di essere molto gravi.