CO2 spikes, remedial action slumps

The question about addressing climate change is becoming increasingly warped as the gap between what should be done and what countries actually are doing grows. This was vividly demonstrated at the United Nations Framework Convention on Climate Change (UNFCCC) Talks, which ended last Friday in Bonn, Germany.

The level of awareness on this topic is growing throughout the world, as is the perception of its connection to the increasing number and magnitude of extreme climate events1 .

These perceptions are specifically supported by an accumulation of scientific evidence2, including the confirmed rise of CO2 levels in the atmosphere. Only a few days ago, the International Energy Agency (IEA) published its official data related to 2011 CO2 emissions from fossil fuel combustion: it recorded a new high, exceeding the 2010 level by 3,2%. In 2011, the global emission of CO2 from fossil fuel was 31,6 Gt (billion tons), 1 Gt more than in 2010. In order to have even a 50% chance of limiting the increase of the average global temperature to 2°C, which is the “450 Scenario” of the IEA’s World Energy Outlook 2011, CO2 emissions would have to peak at 32,6 Gt before 2017. Considering the increase recorded between 2010 and 2011, it is likely that this threshold will already be reached next year.

There is a sliver of hope despite the dire outlook: with proper action, the world could still achieve the CO2 emission level recommended by scientists.

At the UN General Assembly in New York last February, Felix Finkbeiner, a 13-year- old boy, shared his personal qualms about climate change with the international audience: “The adults know exactly what challenges we face and they know the solutions to these challenges, but we don’t understand why there is so little action.” Everyone applauded the young man’s statement, but nobody had a satisfactory reply to it.

Only recently, another report, “Bridging the Emission Gap,” published by UNEP, indicated that a short-term CO2 emissions reduction, needed to keep the increase in global temperatures below 2°C, is still achievable. Achim Steiner, the UNEP Executive Director, declared that the necessary emissions reduction would be “possible by 2020, even without any significant technical or financial breakthroughs.” But this would require strong and rapid action, propelled by unified international political will.

And what was the outcome of the latest UNFCCC Climate Talks just concluded in Bonn?

After two weeks of negotiations among delegates from every part of the world on the new ADP (Ad Hoc Working Group on the Durban Platform for Enhanced Action), they only managed to agree on the work agenda, and this not until the the very last day, following heated debates that people outside the conference would have trouble understanding.

Obviously, the issue is not straightforward, as it concerns the interests and roles of developed countries and major emerging economies on the path to CO2 reduction. Still, it would be difficult to explain to little Felix the applause at the end of the Bonn Conference, when in reality, instead of addressing substantial concerns, conference attendees whittled away the time discussing terminolgy and protocol.

Artur Runge Metzer, the Director of International and Climate Strategy of the European Commission, conceded that “we spent too much time on procedures,” and he pointed to a small group of countries that were hindering the process. He didn’t refer directly to any specific nation, but a senior delegate mentioned the US as part of this group, in particular Washington’s attempt to consistently block discussion on certain issues, for example, the request to organize a workshop on research, proposed by CfRN (Coalition for Rainforest Nations). But during a press conference, Jonathan Pershing, the USA Deputy Special Envoy for Climate Change, deflected the blame, declaring that he was “disappointed and frustrated that the discussion of this meeting focused largely on procedural issues.”

The UNFCCC Executive Secretary, Christiana Figueres, also conceded that the weeks of negotiating had been “boring”. PlanetNext pointed out to her the lack of progress in the ongoing process, only 6 months away from the conclusion of the present Kyoto Protocol (KP) commitment period and the expiration of LCA (the ad hoc working group including countries not part of the KP).

After 6 years of negotiations on the KP, it has still not been decided if the second commitment period will be 5 or 8 years. The KP was never underwritten by the US, and Canada left it just last year. Now it looks probable that other important countries such as Japan and Russia will follow suit, meaning that after 2012 the KP will consist of countries collectively responsible for only 15% of global CO2 emissions. The voluntary commitment so far expressed by countries at the Copenhagen Accord and later covers around 50% of scientists’ CO2 reduction request by 2020. After 20 years of negotiations, rich countries have committed to economically help developing countries, but the money is not yet on the table.

Following the debacle in Bonn, is it even reasonable to expect the next COP in Doha to achieve positive results or to awaken the necessary political will? Figueres was not fazed by the lack of ambition of the process and simply stated that Doha will be an important COP.

But Bali was “an important COP” too, as were Copenhagen, Cancun and Durban. The question is not whether a COP is deemed to be important or not, but rather whether this negotiation process is actually able to produce results at the level required by science–or admit that it has failed.

At the moment, it is not known if an additional conference will be held in Bangkok next September, to better prepare for Doha, due to a lack of funding which, according to Christiana Figueres, runs at around 4,8 million €. Word has it that developed countries (such as the EU) would offer the necessary financial support, on the condition that developing countries accepted the policy of reaching an agreement on the election of the ADP chairs by consensus, as has been the case in the past, in order to avoid a vote by majority, which is very unusual for this process. But the real concern is that the next meeting in September could again become stuck on secondary issues, failing to address and solve the most critical and important items.

Wael Hmaidan, Director of CAN, the international umbrella of NGOs on climate change, blames the problem world-wide on a political class unwilling to address the real interests of its citizens, who are however directly affected by climate change. According to Hmaidan, politicians take a short-term view in order to protect their own interests and maintain the political consensus needed to guarantee re-election.

Looking at what the international climate change negotiations have produced until now, it is difficult to refute Hmaidan’s argument. The UNFCCC process urgently needs to shift gears and to show that it is capable of producing concrete results. Maybe, then, the international political establishment will prove Hmaidan wrong.

In the meantime the level of CO2 is continuously rising in the atmosphere, while the time for effective action is drastically shrinking. Christiana Figueres is completely right when she says that Doha will be an important COP. In particular if it can show a change in the participants’ attitudes.

© Copyright – PlanetNext

Tutti i diritti riservati

Annunci

Dalle città virtuose parte la resistenza al riscaldamento globale

AAA-Unita

Per cercare di colmare il divario tra l’urgenza di contrastare il cambiamento climatico e la capacità di risposta dimostrata dai governi del mondo, le città “virtuose” si sono date convegno in questi giorni a Bonn.

Gli scienziati chiedono di tagliare le emissioni mondiali di CO2 del 50% entro il 2050 per far si che l’aumento della temperatura non superi i 2 gradi. La politica internazionale mostra la sua impotenza nel costruire un nuovo accordo globale capace di andare oltre alla simbolica riduzione, stabilita con il Protocollo di Kyoto per i soli Paesi sviluppati, del 5% al 2012. Per uscire dalla situazione di stallo è fondamentale la spinta dal basso che possono generare la rete delle città. Questa è almeno la convinzione dei rappresentanti delle autorità locali di circa 70 Paesi  – tra cui Bologna, Ancona e Genova – che si sono dati appuntamento dal 3 al 5 giugno a Bonn, al secondo Congresso mondiale delle città più resilienti al cambiamento climatico.

 

IL FUTURO È ADESSO

Non è in discussione il ruolo di protagonista delle aree urbane su questo tema, visto che da lì proviene circa il 75% delle emissioni globali e che sono destinate a pagare il conto maggiore per gli impatti del riscaldamento del pianeta. Ciò che serve è un’azione rapida e globale. «Il piano di azione per le strategie di adattamento tedesco coinvolge tutti i settori della società – sottolinea Hans Ulrich Krüger, del governo del Land Nord-Reno-Westfalia – ma i tre principali fronti di intervento del 21 ̊ secolo sono l’energia, l’acqua e la sicurezza alimentare».

L’adattamento non basta e le città dovranno contribuire con una forte riduzione delle emissioni. Secondo David Cadman, presidente dell’Iclei, l’associazione internazionale che raggruppa gli enti locali «virtuosi» o meglio sostenibili, bisogna innanzitutto aumentare il livello di conoscenza delle emissioni a livello locale. «Entro fine anno pubblicheremo uno standard insieme a Banca Mondiale e a C40, associazione che raccoglie le più grandi città al mondo impegnate contro il riscaldamento del pianeta. Lo standard è finalizzato al monitoraggio, la rendicontazione e la verifica delle emissioni degli enti locali e sarà la base per un sistema di limitazione delle emissioni e per la creazione di un mercato della CO2 tra le città virtuose del mondo». «È prima di tutto un problema di stili di vita», aggiunge il professor Jurgen Kropp, responsabile della sezione Impatti e vulnera-bilità climatiche del Postdam Insitute. «Rappresentanti cinesi hanno ribadito di voler arrivare ad un livello di Pil pro-capite di 26.000 dollari, simile a quello dei Paesi occidentali, ma l’attuale situazione è già peggiore dello scenario più critico tra quelli ipotizzati dall’Ipcc ed è necessario un rapido cambio di direzione. Basti pensare che mantenendo l’attuale modello di sviluppo, nel 2050 emetteremo annualmente circa 50 miliardi di t di CO2, ben oltre il record del 2011 di 30,6 miliardi di t di CO2, ufficializzato nei giorni scorsi dall’Agenzia internazionale per l’energia».

Anche i cittadini dei Paesi ricchi sono chiamati a una maggiore consapevolezza delle conseguenze dei propri consumi. «Spesso il minor costo di un prodotto proveniente dai Paesi in via di sviluppo è legato anche all’uso di fonti energetiche meno efficienti», secondo Kropp, «e quindi attraverso i nostri comportamenti diventiamo indirettamente responsabili delle emissioni che hanno luogo in quei paesi. Le autorità locali assumono così un ruolo assolutamente prioritario, perché sono più vicine ai cittadini e quindi maggiormente in grado di influenzarne gli stili di vita».

La necessità di un’azione urgente deriva anche dai risultati di recenti studi fatti in Canada. «È stato confermato che grandi quantità di metano vengono rilasciate nella tundra a seguito di fenomeni cosiddetti di retroazione, in genere non contabilizzati nei modelli previsionali del clima. Ciò significa che la situazione è ben più critica di ciò che ci si attendeva e i quantitativi di gas serra rilasciati in atmosfera sono ancora maggiori». Messaggio che Cadman, della città di Vancouver, invia volentieri ai colleghi canadesi che da lunedì prossimo, sempre a Bonn, inizieranno due settimane di negoziati ufficiali in preparazione del vertice dell’Unfcc di Durban, alla ricerca di un nuovo accordo mondiale per il clima. ❖

Dopo Copenhagen i grandi del clima cercano un nuovo accordo a Bonn

AAA-Sole24Ore

Almeno su un punto vi è accordo completo nell’incontro dell’Unfccc, il tavolo negoziale sui cambiamenti climatici dell’Onu (United framework convention on climate change), in corso a Bonn. Ora tutti riconoscono il fallimento di Copenhagen e chiedono la ricostruzione del clima di fiducia e collaborazione venuto meno nella fase preparatoria della Conferenza dello scorso dicembre. «A Copenhagen è stata distrutta l’atmosfera di dialogo costruttivo – sostiene l’alto delegato cinese Qingtai Yu – ora è necessario ritornare alle basi negoziali precedenti».

Sorprende che una simile dichiarazione giunga proprio dalla Cina, visto che è considerata, assieme agli Usa, la principale responsabile dello svuotamento di contenuti dell’accordo di Copenhagen. Davanti alla richiesta di assunzione di responsabilità Yu, senza riuscire a nascondere un certo imbarazzo, giustifica l’accordo come il male minore e necessario per evitare che dalla capitale danese si dovesse tornare a mani vuote.

Pochi sembrano credere davvero a questa spiegazione, ma il clima di riconciliazione richiede anche la disponibilità a chiudere un occhio sugli errori passati. La svolta positiva di Bonn è riconosciuta anche dal capo delegazione indiano Mauskar, che riconosce come dopo due anni si sia tornati ad ascoltarsi gli uni con gli altri.

Il rappresentante delle Isole Salomon, Collin Beck, interpreta la perdita dell’approccio multilaterale come una delle principali cause del fallimento di Copenhagen, ma a volte “si ha bisogno di attraversare una fase di crisi per arrivare a capire che si era sulla strada sbagliata”.

Chiuso il capitolo danese, parte ora la costruzione del percorso in direzione di Cancun. E anche qui si registra un importante punto di accordo tra le parti. La conferma che l’ambito di negoziazione sul clima deve restare quello dell’Unfccc è particolarmente importante, visto che la Convenzione sta attraversando forse una delle più grandi crisi dalla sua creazione nel 1992. Solo lunedì il Segretario Esecutivo uscente, Yvo de Boer, ammetteva l’evidenza dell’incapacità politica di ottenere entro i prossimi dieci anni obiettivi di riduzione delle emissioni in linea con le richieste degli scienziati.

Bisognerà vedere ora se il rinnovato clima di fiducia sarà sufficiente per riuscire a produrre un nuovo accordo sul clima. Il negoziatore brasiliano Sergio Serra non crede ciò potrà essere raggiunto entro l’incontro di Cancun del prossimo dicembre, rimandando così l’appuntamento al 2011 in Sudafrica. La pensa diversamente Islam Chowdhury, in rappresentanza del Bangladesh e del blocco di circa 50 paesi meno sviluppati, che insiste per un accordo legalmente vincolante già in Messico.

I paesi in via di sviluppo chiedono intanto di discutere dei soldi che il mondo industrializzato ha promesso loro sulla base della propria responsabilità storica sul cambiamento climatico. Si parte dai 30 miliardi di dollari che l’accordo di Copenhagen prevede siano trasferiti nel triennio 2010-2012. Poco ancora si sa, però, sulle modalità e le tempistiche di concessione di questi finanziamenti, su cui Serra non nasconde un certo scetticismo, visto che ad oggi quelli previsti per 2010 non sono ancora disponibili.

La Ue, dal canto suo, intende svelare a breve tempi e modi di questo trasferimento, anche se la situazione non è ancora chiara in tutti i paesi. Nel caso dell’Italia, ad esempio, a fronte di un impegno annuo di 200 milioni di euro, risulta esservi al momento la disponibilità della metà.

Si pone poi il problema di come spendere questi soldi, visto che i paesi sviluppati sono più orientati ad interventi in grado di ridurre le emissioni di gas serra, mentre quelli in via di sviluppo chiedono un aiuto maggiore sul fronte dell’adattamento, quindi della riduzione degli impatti causati dal cambiamento climatico, ed il Fondo di adattamento è oggi una scatola vuota con solo 100 milioni di dollari.

Il panorama dei finanziamenti si completa con il Redd, meccanismo rivolto alla lotta alla deforestazione, attualmente in fase di definizione. In modo ufficioso si ipotizzano cifre variabili tra i 4,5 e i 5,4 miliardi di dollari, ma su modalità di concessione e di utilizzo la discussione non sembra nemmeno avviata.

Come cercare di far fluire una quantità maggiore di fondi alla lotta del cambiamento climatico resta un tema cruciale, tanto che lo stesso Ban Ki-moon ha creato un gruppo di alto livello con il compito di investigare tutti i percorsi possibili, dal mercato del carbonio, alle tasse sulle transazioni finanziarie o sui trasporti internazionali. Il rapporto finale sarà pronto ad ottobre ed avrà sicuramente un posto di riguardo a Cancun sul tavolo di lavoro di ogni negoziatore.

Sul clima c’è la roadmap da Copenhagen a Cancun, manca tutto il resto

AAA-Sole24Ore

BONN – Lo sguardo sconsolato dei delegati presenti all’hotel Maritim di Bonn può fornire spunti per la pubblicità di un farmaco antidepressivo, ma non rassicura certamente gli abitanti del pianeta sulla possibilità di un serio ed ampio accordo internazionale per contrastare il cambiamento climatico

E le difficoltà esistenti si leggono tutte in una plenaria conclusiva il cui inizio è slittato di 4 ore, sebbene la decisione attesa riguardava solo l’agenda dei lavori per il 2010. Dalla tre giorni di lavoro esce la road map con cui si intende arrivare il prossimo novembre a Cancun, in Messico, alla costruzione del nuovo patto mondiale per il clima. Nessuno si illude, come ribadiscono il Segretario esecutivo uscente dell’Unfccc Yvo de Boer e la rappresentante spagnola della Ue Alicia Montalvo, che sarà possibile giungere a quella data con un accordo legalmente vincolante. Sarà però necessario trovare il pieno accordo sull’architettura da dare all’intesa, che dovrà poi essere resa vincolante alla successiva plenaria del Sudafrica di fine 2011.

Del resto l’appuntamento sudafricano sembra rappresentare davvero l’ultima spiaggia, visto che nel 2012 scadono gli attuali vincoli del Protocollo di Kyoto, la cui mancanza di continuità per gli anni successivi avrebbe conseguenze devastanti.

Dal punto di vista tecnico oltre quella data diventerebbe praticamente impossibile seguire l’appello degli scienziati di raggiungere il picco massimo delle emissioni mondiali entro il 2015, per dare poi immediato avvio alla fase concordata di loro diminuzione.

Ma la mancanza di certezze sui livelli di riduzione da assegnare ai diversi paesi porterebbe anche ad enormi danni economici legati al crollo del mercato del carbonio, mandando così in fumo buona parte degli investimenti di chi ha operato fattivamente per la creazione di un’economica a basso contenuto di carbonio.

Per evitare questo, si è deciso di fissare almeno altri due appuntamenti di cinque giorni l’uno, dopo quello di due settimane già in programma a fine maggio nella città tedesca. Stessa sede che sarà utilizzata anche per uno dei due incontri aggiuntivi, con il fine di contenere i costi di eventi la cui spesa complessiva è stimabile tra i 3,5 e i 7,5 milioni di dollari. E dove trovare i soldi per questi continua ad essere un altro bel nodo da risolvere.

Ancora più complicato sembra però poter trovare l’intesa futura rispetto al contenuto di un possibile accordo.

Probabilmente barlumi di speranza ci possono essere sulle situazioni più avanzate, quali i meccanismi per il trasferimento di tecnologie e la gestione complessiva degli aspetti finanziari a favore dei paesi in via di sviluppo, a partire dai 10 miliardi di dollari all’anno promessi per il triennio 2010-2012 all’interno dell’Accordo di Copenhagen.

Quando si entra però nel merito di come spendere questi soldi in termini di aree di intervento e di responsabilità di gestione, la luce torna a spegnersi e il negoziato a brancolare nel buio.

Lo stesso vale per aspetti tecnici quali la contabilizzazione delle emissione legate all’uso dei suoli, con ricadute su temi di agricoltura e gestione delle foreste in grado di fare litigare al proprio interno anche i 27 della Ue.

Il vero nodo cruciale continua comunque ad essere quello degli obiettivi di riduzione delle emissioni. Gli impegni presentati su base volontaria a gennaio dai paesi sviluppati, come previsto dall’Accordo di Copenhagen, non fanno riferimento ad alcun target condiviso a livello internazionale e ad oggi la riduzione proposta è compresa tra il 10 e il 19%, quindi ancora lontana dal 25-40% richiesto dagli scienziati dell’IPCC.

L’agenda per Cancun ora è definita. Resta solo da fare tutto il resto.

Con o senza Copenhagen, da Bonn riparte il trattato sul clima

AAA-Sole24Ore

BONN – C’è un fantasma che si aggira nei corridoi di Bonn, dove si è tenuto il primo incontro dell’Unfccc, il tavolo di lavoro dell’Onu sui cambiamenti climatici, dopo la Conferenza di Copenhagen dello scorso dicembre. L’obiettivo è la definizione dell’agenda di lavoro per il 2010, ma la discussione si sposta inevitabilmente attorno all’Accordo di Copenhagen, il gigante dai piedi di argilla, forte della centinaia di firme di capi di stato e di governo che porta in calce, ma sviluppato attraverso un percorso che ha bypassato le procedure Unfccc. Che farne?

L’accordo è frutto della volontà politica di un ristretto tavolo di capi di stato e di governo volati a Copenhagen negli ultimi due giorni della Conferenza, a cui si sono andate via via sottraendosi le sedie disponibili ed è finito per essere un’intesa al ribasso imposta dalla Cina agli Usa. La stessa Ue del resto non aveva mascherato il malcontento verso un documento alla cui stesura finale era stata esclusa ed in cui erano spariti tutti gli obiettivi numerici di grande significato politico. Come è noto, nella seduta plenaria conclusiva danese alcuni paesi hanno deciso di rifiutare l’adozione formale di un documento sviluppato da pochi capi di stato e di governo in stanze parallele e non ufficiali, quindi all’esterno delle regole Unfccc. L’unica soluzione possibile per l’assemblea è stata quindi di “prendere nota” timidamente dell’accordo sviluppato dai grandi.

Il fronte di chi vuole dimenticare l’Accordo di Copenhagen è cresciuto da dicembre ad oggi, arrivando all’incirca ad un quinto del gruppo del G77, di cui fa parte anche la Cina. Ed è proprio quest’ultima a ricoprire a Bonn, dopo essere stata la mattatrice del negoziato nella capitale danese, una posizione scomoda.

Non è semplice infatti trovarsi nella duplice veste di chi è stato protagonista nella stesura dell’accordo ed è al contempo uno dei soggetti politici principali del gruppo che ne vuole limitare l’utilizzo. Alla fine l’intesa su questo punto all’interno del G77 non c’è stata, costringendoli a presentarsi nella riunione plenaria finale tedesca senza una posizione comune.

Differenze all’interno del G77 che probabilmente sono destinate ad amplificarsi in futuro, visto l’anacronistica coesistenza di giganti economici come Cina e India e di chi soffre maggiormente le conseguenze del cambiamento climatico, quali le isole del pacifico e i paesi meno sviluppati.

La creazione lo scorso anno della nuova coalizione dei Paesi africani, è probabilmente un segnale che qualcosa all’interno del G77 sta già cambiando e l’attenzione con cui la Ue guarda a loro è un chiaro segnale della speranza di riuscire a differenziare il fronte del G77, creando così un nuovo scenario negoziale.

È certo invece che i lavori del 2010 ripartiranno dai documenti sviluppati negli ultimi due anni all’interno del percorso negoziale ufficiale dell’Unfccc, come richiesto dal mandato del Bali Action Plan. Si tratta di quanto prodotto all’interno dei due gruppi responsabili di definire gli impegni futuri del Protocollo di Kyoto (KP) e quelli (LCA) dei colossi, quali USA e Cina, i cui impegni di riduzione per ragioni diverse sono esclusi dal processo di revisione del protocollo.

La logica vorrebbe che KP e LCA arrivino a fondersi in un tavolo negoziale unico, ma talvolta politica e logica muovono su binari paralleli e far convergere la discussione in un unico gruppo è un’impresa impossibile, vista la netta opposizione dei paesi in via di sviluppo che temono ciò possa portare ad affondare il Protocollo di Kyoto.

Novità certe sono attese alla guida dell’Unfccc, viste le dimissioni presentate a febbraio dal Segretario esecutivo Yvo de Boer, che saranno però effettive solo da inizio luglio, le cui cause sono probabilmente riconducibili al fallimentare esito della Conferenza di Copenhagen.

Sette sono i candidati possibili, ma sembra che l’inserimento nella triade finale da sottoporre a Ban Ki-moon, sia un gioco già chiuso tra l’ungherese Janos Pasztor, il sudafricano Marthinus van Schalkwyk, l’indiano Vijai Sharma e la costaricana Christiana Figueres. È probabile che alla fine la scelta cadrà, per normale avvicendamento, ad un rappresentante dei paesi in via di sviluppo e la Figueres sembra giocare il ruolo della favorita, anche se la sua vicinanza per ragioni professionali al mondo imprenditoriale dei paesi sviluppati potrebbe giocare a suo sfavore.

Intervista a Yvo de Boer – “Sono ottimista. A Copenaghen si farà l’accordo sul clima”

AAA-Unita

unita tornado

Da domani per due settimane gli occhi del mondo intero saranno puntati su di lui. Yvo de Boer, il Segretario esecutivo del tavolo ONU sui cambiamenti climatici (Unfccc), sa che la prossima Conferenza di Copenhagen dovrà riuscire a dimostrare la reale volontà della comunità internazionale di affrontare quella che è stata definita la più grande sfida il genere umano abbia mai dovuto affrontare collegialmente.

Le premesse non sono delle migliori visto che gli impegni complessivi di riduzione delle emissioni di gas serra dei paesi sviluppati sono ancora lontani dal 25 – 40% che gli scienziati chiedono siano raggiunti entro il 2020, rispetto ai valori registrati nel 1990.

Cosa significherebbe non riuscire a raggiungere un accordo su questi valori a Copenhagen?

«Ripiegare su un impegno più debole in questa fase significherà necessariamente la richiesta di uno sforzo molto più grande in futuro».

Ma lei ritiene ancora possibile un accordo su quei numeri?

«Si. Io credo che quei valori siano ancora possibili o comunque che si possa arrivare molto, molto vicino».

Gli USA, nonostante il radicale cambio di politica sul clima del Presidente Obama rispetto al predecessore Bush, rischiano però di rappresentare ancora il freno del negoziato a causa di un Senato in grado di bloccare ogni accordo.

«Il Senatore Kerry, cofirmatario della proposta di legge americana ha confermato nei giorni scorsi la sua convinzione che la legge federale passerà, dopo Copenhagen. Molti altri Paesi hanno dimostrato la stessa disponibilità a ratificare l’eventuale trattato a livello nazionale. Quello che sta accadendo negli USA non è in fondo così critico come sembra».

La proposta contenuta nel disegno di legge USA però, comparata con i valori del 1990, rappresenta un impegno di riduzione del solo 4% per il 2020, ancora minore del 7% già previsto dal Protocollo di Kyoto per il 2012.

«La realtà è che le emissioni attuali degli USA sono aumentate del 14% rispetto al 1990 e non possiamo portare indietro l’orologio. Rispetto a questi valori di partenza il loro impegno diventa molto significativo».

Se lo sforzo degli USA non sarà comparabile a quello europeo rispetto ai valori del 1990 c’è però il rischio che la Ue rifiuti di estendere il proprio impegno di riduzione al 30%.

«Dipende tutto dal punto di partenza rispetto al quale verrà misurata la comparabilità degli sforzi nel corso delle prossime due settimane a Copenhagen. Si potrebbe anche dire che la Ue è già impegnata con il Protocollo di Kyoto a ridurre dell’8% le proprie emissioni, per cui l’obiettivo del -20% che ha sottoscritto per il 2020 significa attualmente una riduzione del 12%, minore così del -17% americano».

Anche se si raggiungerà un buon accordo politico a Copenhagen, sarà poi necessario un incontro successivo per la stesura di un accordo legalmente vincolante. Si dovrà aspettare il prossimo dicembre a Città del Messico o è pensabile che possa essere chiuso prima?

«È possibile arrivare alla finalizzazione di un accordo legale in giugno. È già in programma un incontro Unfccc a Bonn in quel periodo e questo potrebbe tranquillamente fungere da “seconda parte” della conferenza di Copenhagen».

Altro tema critico è quello degli aiuti finanziari a favore dei Paesi in via di sviluppo. Ci sono diverse cifre in ballo rispetto al 2020, ma lei spinge perché vi siano soldi disponibili fin da subito.

«I Paesi sviluppati debbono mettere a disposizione 10 miliardi di dollari all’anno per il periodo 2010-2012. Cifre che sono state condivise in diversi contesti in questo ultimo periodo e trovano ormai un ampio consenso».

Ma esiste anche un importante flusso economico che può derivare dal mercato della CO2.

«Certamente. Anzi, è importante ricordare che il 95% degli investimenti nel settore energetico proviene da investitori privati ed anche in futuro questi soggetti giocheranno il ruolo principale. Noi però abbiamo bisogno di fondi pubblici per l’adattamento e per il trasferimento di tecnologie a basso impatto che difficil- mente troveranno l’interesse del settore privato».

C’è, infine, chi vorrebbe eliminare il Protocollo di Kyoto. Lei crede che questo sia un rischio reale?

«Il Protocollo di Kyoto è l’unico strumento legalmente vincolante a livello internazionale sul cambiamento climatico ed i paesi in via di sviluppo non hanno nessuna intenzione di rinunciare all’unica vera certezza. Ad oggi vi è un ampio consenso a proseguire con questo strumento, a meno che Copenhagen non sarà in grado di produrre un accordo più attrattivo dell’esistente».

unita de boer

E’ il numero uno delle Nazioni Unite in materia di clima. Ricopre la carica di Segretario esecutivo del tavolo ONU sui cambiamenti climatici (UNFCCC).

Diplomatico olandese, ha il compito di negoziare il cosiddetto Kyoto Bis, il nuovo accordo internazionale per ridurre le emissioni di anidride carbonica dopo il 2012. Una trattativa difficile da condurre con 192 Stati. Nato a Vienna nel 1954, è sposato e ha tre figli.

Terra terra – Scollamento climatico

AAA-manifesto

Aumenta sempre più la distanza tra le richieste espresse degli scienziati per contrastare i cambiamenti climatici e gli impegni che i governi sembrano disposti ad assumere.

È proprio questo scollamento il segnale che giunge dal secondo dei quattro incontri preparatori della Conferenza dell’ONU di dicembre a Copenhagen, che si è chiuso ieri a Bonn.

Le richieste dell’IPCC, il gruppo di esperti incaricato dall’ONU di sintetizzare la conoscenza scientifica sui cambiamenti climatici, sono note già dal 2007.

Affinché l’aumento di temperatura non superi i 2 °C è necessario che la concentrazione di CO2 in atmosfera non vada oltre i 450 ppm, rispetto agli attuali circa 380 ppm, e ai paesi industrializzati è richiesto di tagliare le proprie emissioni di gas serra entro il 2020 di un ammontare variabile dal 25 al 40%, rispetto ai valori del 1990.

Ma la situazione sembra essere addirittura più critica di quella descritta dall’IPCC, com’è evidente dall’osservazione dello stato dei ghiacci polari.

Le temperature dell’artico hanno subito un aumento doppio rispetto al dato medio registrato su scala mondiale, con la stagione calda che ha un inizio sempre più anticipato ed una durata maggiore.

La calotta polare risente di questo maggior apporto di calore riducendo la propria estensione e lo spessore, a dispetto delle notizie prive di fondamento apparse a gennaio nella stampa italiana in cui veniva annunciata un’ipotetica inversione di tendenza del processo in atto da decenni.

I numeri parlano chiaro. L’IPCC prevedeva la possibilità che si potesse verificare il temporaneo completo scioglimento della calotta artica al termine della stagione estiva tra il 2050 ed il 2080.

David Carlson, il Direttore del programma scientifico dedicato allo studio di artico ed antartico denominato International Polar Year, , sottolinea invece come la situazione sia molto più preoccupanti.  I dati più aggiornati evidenziano la probabilità che il completo scioglimento estivo dei ghiacci polari possa avere luogo nei prossimi trent’anni e addirittura la possibilità che ciò si verifichi già prima del 2020.

Davanti ad un quadro così preoccupante risulta anacronistica la debole risposta lanciata dei rappresentanti dei governi riuniti a Bonn.

In particolar modo i paesi sviluppati, ad eccezione della Ue che si è da tempo impegnata a tagliare le proprie emissioni del 20% entro il 2020 e ha dichiarato la propria intenzione ad estendere la riduzione fino al 30%, hanno presentato degli obiettivi assolutamente insufficienti per una vera azione internazionale di lotta ai cambiamenti climatici, con una riduzione prevista del solo 10%, invece che del 25-40% richiesto.

Su tutti risalta il caso eclatante del Giappone che rischia di mettere in crisi l’intero negoziato. Il paese asiatico nei giorni scorsi ha comunicato di volere impegnarsi a ridurre le proprie emissioni entro il 2020 dell’8%, senza dunque rispettare il traguardo del 6% per il 2012 già sottoscritto con il  Protocollo di Kyoto.

Non sono, in questo caso, solo le ONG a dichiarare la totale mancanza di ambizione dei governi, ma è lo stesso Yvo de Boer, Segretario esecutivo del tavolo negoziale dell’ONU sui cambiamenti climatici detto UNFCCC, a non riuscire a mascherare il proprio disappunto. “In tanti anni che sono alla guida dell’UNFCCC è la prima volta che non so cosa rispondere” ha commentato alle pressanti domande in merito all’obiettivo dichiarato dal Primo ministro giapponese Aso.

Tra i corridoi di Bonn c’è già però chi inizia ad azzardare dei curiosi paralleli con quanto si è già verificato in passato con i governi storicamente climascettici, quale quello australiano ed americano. In entrambi i casi la poca lungimiranza dei due precedenti primi ministri, John Howard e G. W. Bush, ha contribuito a spianare la strada a due nuovi capi di governo in grado di meglio intercettare le reali preoccupazioni dei cittadini e capaci di porre il clima al centro dell’agenda politica.

Per le prossime elezioni giapponesi di settembre suoneranno probabilmente come un incubo per Aso i recenti sondaggi che vedono più del 60% della sua popolazione disposta ad accettare grossi tagli delle emissioni di CO2.